Created with Sketch.

Parolando laboratorio per il ritardo di linguaggio

Parolando: gioco, mi muovo, parlo…

Progetto rivolto ai bambini piccoli con ritardo di linguaggio (2-3 anni; 4-5anni)

Negli ultimi anni, presso il nostro, Centro sono giunti bambini sempre più piccoli che presentavano un ritardo di linguaggio; pertanto abbiamo pensato di offrire a questi bimbi ed ai loro genitori, un’opportunità nuova per sperimentare ed incrementare le competenze linguistiche in un contesto ludico.

Ma cos’è il ritardo di linguaggio?

Il ritardo di linguaggio è il ritardo nell’acquisizione della comunicazione verbale; esso può interessare diverse aree del linguaggio, oppure un solo aspetto di quest’ultimo: fonologia, lessico e/o morfosintassi. Tutte le altre competenze comunicative (mimica e gestualità) e le abilità non comunicative (cognitive, percettive e motorie) risultano integre. Tale difficoltà può essere transitoria, poi rapidamente recuperabile; oppure può essere spia di un successivo disturbo specifico di linguaggio.
Si può parlare di RITARDO DI LINGUAGGIO quando il bambino a 24 mesi ha un vocabolario inferiore alle 50 parole e a 30 mesi non combina 2 parole: una parte consistente di loro strutturerà un vero disturbo del linguaggio dopo i 3 anni, mentre gli altri si normalizzeranno. Si osserva, inoltre, una difficoltà nel sistema dei suoni: i bambini non utilizzano i suoni corretti e il loro linguaggio risulta difficile da comprendere. L’età di tre anni costituisce una sorta di spartiacque tra i bambini cosiddetti “parlatori tardivi” e i bambini con un probabile “disturbo specifico di linguaggio”.

Prevalenza ed incidenza

L’incidenza di un ritardo/disturbo di linguaggio sembra collegata all’età: alcuni autori riportano che il problema interessa circa il 15% dei bambini di 2 anni, ma la percentuale scende al 3% per i bambini di 5 anni (DSM-IV, 1994). In Italia gli studi epidemiologici sono molto limitati e riportano che nella popolazione al di sotto dei 5 anni la prevalenza di Disturbo Specifico del Linguaggio (DSL) varia dal 3 al 6% (Cipriani et al., 2002).

IL PROGETTO

Il progetto prevede sedute di gruppo a co-conduzione logopedica/neuropsicomotoria in cui vengono proposte attività volte a stimolare le competenze linguistiche dei bimbi in un contesto ludico. I genitori saranno affiancati con incontri di couselling su appuntamento a cadenza mensile. L’inserimento nel gruppo segue una valutazione specifica delle competenze linguistiche del bambino ed a seconda delle difficoltà emerse e riscontrate dai genitori, è anche prevista una valutazione neuropsicomotoria.
I professionisti del CPL lavorano da sempre in equipe e con supervisione continua di una psicoterapeuta specializzata nell’età evolutiva e di un medico Neuropsichiatra Infantile e Foniatra.

 

OBIETTIVI:

  1. Allenare le abilità percettive in relazione al suono ed alla parola;
  2. Migliorare l’autopercezione dei diversi distretti corporei ed il loro controllo;
  3. Sperimentare il corpo come strumento per produrre sonorità e parole;
  4. Utilizzo del corpo per la produzione di suoni verbali: passaggio dal macro-movimento dell’intero corpo al micro-movimento dell’apparato fono-articolatorio.

Per informazioni contattare il centro al 3395420691 e seguirà un primo incontro informativo gratuito.

Situs sbobet resmi terpercaya. Daftar situs slot online gacor resmi terbaik. Agen situs judi bola resmi terpercaya. Situs idn poker online resmi. Agen situs idn poker online resmi terpercaya. Situs idn poker terpercaya.

situs idn poker terbesar di Indonesia.

List website idn poker terbaik.

Situs agen slot terpercaya dan resmi

megasloto